Chi siamo

Il nome del coro “RUAH” significa “VENTO CHE SOFFIA” ossia il “soffio divino dello Spirito Santo”

R

Cosa significa

Il nome del coro “RUAH” significa “VENTO CHE SOFFIA” ossia il “soffio divino dello Spirito Santo” che ci consente di essere parte della liturgia con il nostro canto, che non è un semplice cantare in chiesa ma è un pregare cantando: quindi è la “Ruah” che ci ispira e ci consente di rimandare il canto al Padre come una specie di eco.


N

Nascita della corale

Il coro nasce nel 2011, al rientro da un Pellegrinaggio a Medjugorje con Don Alberto Abreu come guida spirituale, per rendere l’assemblea della chiesa di San Nicola al Borghetto dei Pescatori più partecipe e comunitaria nella preghiera. “Nel canto si forma la comunità, favorendo la fusione delle voci e dei cuori, eliminando le differenze di età, origine e condizione sociale” così diceva Paolo VI.

L

Coro Parrocchiale

Il nostro non è un coro polifonico ma un semplice coro parrocchiale, ma proprio per questo ci sentiamo parte essenziale della celebrazione, specialmente quando cantiamo nella liturgia. La Corale Ruah ha centrato il proprio obiettivo di coinvolgimento dell’assemblea che ora canta e partecipa più di prima. Se si vuole che l’assemblea liturgica sia veramente iniziata, guidata, educata nel canto, il coro è insdispensabile.

La Corale

I componenti della Corale Ruah

Don Alberto Abreu

Dopo tanto pregare, il Buon Pastore che ha dato la vita per noi, mi ha esaudito donando alla Cappella del Borghetto dei Pescatori questa bellissima corale.

Don Alberto Abreu
Angela Vaccaro

Angela Vaccaro

La musica e il canto lavano via dall’anima la polvere della vita di ogni giorno.



Carlo Orlando

Da quasi due anni nella corale si impegna superando il proprio imbarazzo per riuscire ad ispirare nel canto la propria e l’altrui fede e preghiera.

Carlo Orlando
Carmela Lucciola

Carmela Lucciola

Mi trovo in questa corale per caso: accompagnavo mia figlia alle prove e pian piano ho iniziato anche io. Sono oramai due anni che ne faccio parte.

Claudia Di Marco

Dopo aver conosciuto Roberto e Teresa di poter cantare nella corale, loro come tutti gli altri membri mi hanno accolto come una figlia. Grazie.

Claudia Di Marco
Daniele Montelatici

Daniele Montelatici

Sono grato a Don Alberto e a tutta la corale per avermi aiutato a trovare nel canto la fede e la preghiera.


Laura Mancuso

“Voglio cantare al Signore finché ho vita, cantare inni al mio Dio finché esisto. A lui sia gradito il mio canto, io gioirò nel Signore” (Sal. 104) Dal 2011 nella corale.

Laura Mancuso
Lidia Sio

Lidia Sio

Sono tre anni che canto con la Corale Ruah, ho trovato nel gruppo una famiglia e l’amore per Gesù. Vivo per te Angelo mio.

Nadia Picozzi

Nel 2012 sono entrata a far parte della Corale Ruah e ho scoperto che cantare per il Signore nella liturgia domenicale mi dà tanta serenità

Nadia Picozzi
Nazzareno Giangrazi

Nazzareno Giangrazi

Da poco nella corale come chitarrista. Sono veramente felice di far parte di questo splendido gruppo dove posso esprimere la mia gioia nel suonare per il Signore.

Patrizia Felici

Da anni parte attiva in vari cori parrocchiali, ogni giorno riscopro nel canto e nella musica liturgica, il contatto intimo di preghiera con il Padre.

Patrizia Felici
Roberto Di Vetta

Roberto Di Vetta

Dopo gli studi di pianoforte ha frequentato il primo e secondo anno di Liturgia presso la Conferenza Episcopale Italiana con indirizzo musicale.

Serenella

Cantare mi è sempre piaciuto e facendo parte ora di questa corale chiedo allo Spirito Santo che scenda a illuminare le menti di tutti uomini.

Serenella
Sonia Mafrici

Sonia Mafrici

La musica per me è l’“arcobaleno della vita” mi da la forza di affrontare la giornata.
Il destino mi ha portato nella corale.

Speranza Muschetti

Partecipo alla corale sin dagli inizzi. Sono profondamente ispirata dal canto e dalla preghiera nel Signore che spero possa esserlo tutta la comunità.

Speranza Muschetti
Teresa Di Matteo

Teresa Di Matteo

Animata da una forte Fede supera le difficoltà del canto riuscendo nel tempo a essere parte integrante del coro sostenuta dal marito Roberto (attuale organista).

I canti della Santa Messa

XXVIII Domenica del Tempo Ordinario

Scaletta dei canti della liturgia della Santa Messa del 15 ottombre 2017

Canto d'ingresso

cantiamo te
pag. 10 n. 45
         

Canto di offertorio

benedetto tu signore
pag. 8 n. 37
         

Canto di comunione

tu sei la mia vita - (symbolum 77)
pag. 61 n. 310
         

Canto finale

nada te turbe
pag. A6 n. A17
         

               Gloria a Dio (Luigi Mariano)

               Salmo: “Abiterò per sempre nella casa del Signore

               Alleluia (ed oggi ancora)

               Santo (Francesco Buttazzo)

               Padre Nostro

               Agnello di Dio (Francesco Buttazzo)

     Scarica il foglietto della domenica

Contattaci

Lasciaci un messaggio